Antenne nautiche

Salta categorie Salta categorie
Salta filtri
Filtri
Nessun risultato

Le antenne nautiche


I vari tipi di antenne nautiche

Le barche spesso hanno bisogno di ricevere comunicazioni, per questo l'installazione di antenne è fondamentale. È possibile installare diversi tipi di antenne per trasmettere e ricevere segnali. Le principali sono le antenne VHF, le antenne TV e le antenne radar.


Antenne VHF

Le antenne VHF (Very High Frequency o Frequenza Molto Elevata in italiano) sono indispensabili per l’utilizzo di VHF fissi sulle barche. Esistono anche VHF portatili che sono autonomi, ma hanno una portata e un'autonomia più limitate. I VHF nautici sono apparecchiature di sicurezza essenziali quando si naviga in mare aperto, consentono di chiamare i soccorsi in caso di emergenza, di comunicare con altre imbarcazioni o autorità come i porti, la CROSS e l’SNSM, ma anche di ricevere bollettini meteorologici.

I VHF fissi sono obbligatori per la navigazione mid-shore e offshore, cioè a partire da 6 miglia da un rifugio (divisione 240). Non sono obbligatori durante la navigazione di base o costiera.

Le antenne VHF devono essere poste in alto e in un luogo sgombro da qualsiasi ostacolo per massimizzare l'irraggiamento delle onde e quindi la portata del segnale. In genere si trovano in cima all'albero delle barche a vela o sul tetto delle barche a motore. I VHF fissi hanno una potenza massima di 25 watt, che equivale a circa 20-25 miglia di distanza. Per fare un confronto, i VHF portatili hanno una potenza da 5 a 6 watt ossia una distanza da circa 3 a 5 miglia.


Antenne TV

Tra le antenne TV, ci sono antenne a dipolo direzionali e omnidirezionali e antenne satellitari.

Le antenne direzionali sono simili a quelle sui tetti delle case. Sono orientate verso una direzione fissa che deve essere scelta bene per avere una ricezione sufficiente e una buona qualità dell'immagine. Di conseguenza non sono le più adatte su una barca. Tuttavia, alcune antenne direzionali sono dotate di un motore elettrico che permette di regolarne la posizione. Le antenne omnidirezionali consentono la ricezione di segnali a 360° senza la necessità di regolarne la posizione. La ricezione è quindi più efficace, ma può comunque essere disturbata dagli alberi delle barche all’ormeggio.

Le antenne TV satellitari funzionano con un'antenna parabolica puntata verso il satellite. Per avere una buona ricezione sulla barca durante la navigazione, è necessario disporre di un'antenna particolare che tenga conto dei movimenti della barca. Il budget per questo tipo di antenne è molto più importante rispetto a un'antenna omnidirezionale.


Antenne Internet

Se hai bisogno di una connessione internet al porto o durante la navigazione, esistono diverse soluzioni: Wifi, antenne 4G e satelliti. Se hai bisogno di accedere a Internet occasionalmente molti porti mettono un Wifi a disposizione, ma per alcuni questa soluzione potrebbe non essere sufficiente. In questo caso puoi optare per un’antenna 4G/Wifi che offre una soluzione più comoda. La copertura dipenderà dalla vicinanza alle antenne trasmittenti dei fornitori di servizi. Durante le navigazioni offshore o durante le lunghe traversate sarà necessario ricorrere alla comunicazione satellitare.


Antenne radar

Le antenne radar sono complementari all'equipaggiamento della tua barca. L'uso di un radar consente di evitare le collisioni avendo una buona visuale degli elementi intorno all’imbarcazione come barche, rocce e persino le boe. È particolarmente utile quando le condizioni di navigazione non sono ottimali e la visibilità è scarsa.


Qual è la differenza tra le antenne VHF e UHF?

L'antenna UHF (Ultra High Frequency o Frequenza Ultra Alta in italiano) è utilizzata per la ricezione e la trasmissione di segnali. Le antenne VHF e UHF non funzionano sulla stessa gamma di frequenze. Con il VHF le frequenze utilizzate sono comprese tra 136 e 174 MHz mentre con ‘UHF sono comprese tra 400 e 470 MHz. Sono visivamente simili, tuttavia le antenne VHF sono più grandi delle UHF.

Le radio VHF sono adatte per un utilizzo principalmente all'aperto, mentre le radio UHF sono più adatte per un uso interno. Essendo la lunghezza d'onda più corta (maggiore è la frequenza, minore è la lunghezza d'onda), offre una migliore penetrazione nei diversi materiali che compongono gli edifici (acciaio, cemento, ecc.). Sulle imbarcazioni da diporto troviamo principalmente le antenne VHF. Tuttavia, l'UHF nautico viene utilizzato su navi mercantili o appartenenti allo stesso convoglio per le comunicazioni a bordo tra i diversi apparecchi radio.


Le onde sulla barca


Che cos’è un’onda?

Un'onda è «la modifica dello stato fisico di un mezzo materiale o immateriale, che si propaga a seguito di un’azione locale con velocità finita, determinata dalle caratteristiche dell’ambiente attraversato». Le onde fin qui menzionate sono onde radioelettriche, dette anche onde radio. Sono utilizzate per il trasporto di segnali vocali e immagini, radiocomunicazioni e radar. Il loro spettro è molto ampio e si estende da 3 Hz a oltre 300 GHz.


Esempio di diverse bande di frequenza

Di seguito sono riportati alcuni esempi di frequenze utilizzate dai dispositivi di uso comune in ordine crescente di frequenze:

  • Radio FM: da 88 MHz a 108 MHz
  • VHF nautica: da 153 MHz a 174 MHz
  • TDT (Televisione Digitale Terrestre): da 470 a 694 MHz
  • GPS: da 1164 a 1300 MHz e da 1517 a 1660 MHz
  • Telefonia mobile: dipende dalla generazione utilizzata (2G, 3G, 4G o 5G) e talvolta vengono assegnate più bande di frequenza per tecnologia. Le frequenze possono variare da 700 MHz a circa 2,1 MHz per 5G.
  • Bluetooth: 2,4 GHz
  • Wi-Fi: tra 2,45 e 5 GHz

Su Decathlon puoi trovare anche apparecchiature elettroniche per la tua barca, come piloti automatico e sonde per il funzionamento del tuo ecoscandaglio o del tuo ecoscandaglio GPS combinato.

È un regalo? Offrire la scelta Offri una carta regalo