COME SCEGLIERE LA RACCHETTA DA BADMINTON?

È il momento di prendere una racchetta da badminton. O di cambiare quella che hai, proprio un rompicapo. Soprattutto se non hai le basi tecniche per scegliere LA racchetta: quella adatta al tuo livello. E al tuo stile di gioco. Per aiutarti a vederci più chiaro, e ad evitare i mal di testa, abbiamo confezionato una piccola guida. Da leggere prima di lanciarsi nella ricerca.

perfly racchetta badminton

La scelta della racchetta da badminton deve ovviamente essere fatta in funzione dei propri punti forti e, soprattutto, di ciò che si vuole migliorare nel gioco. Per non sbagliare nella scelta finale, chiedi le racchette di prova direttamente in negozio.

1/ PRIMA CARATTERISTICA DA CONSIDERARE: IL PESO

Il peso della racchetta dipende principalmente dalla sua composizione. Una racchetta in alluminio è ovviamente più pesante di una racchetta in grafite, che però è anche più fragile. 

- Il peso. 

Essenziale, soprattutto per il comfort. A meno che tu non sia super forzuto, non è detto che il tuo braccio apprezzi una racchetta troppo pesante. Una buona notizia: le racchette da badminton sono sempre più leggere. 

Meno di 80 grammi: è una racchetta leggera, molto leggera. Più comfort e più maneggevolezza. Ma anche più fragile e meno potente. Assorbe bene gli impatti e riduce i rischi di infortuni alle braccia e alle spalle. Da prendere se sei soggetto a tendiniti. 

Da 80 a 90 grammi: è una racchetta intermedia. Piuttosto polivalente e adatta a qualunque campo. È un buon compromesso tra maneggevolezza e potenza. 

Più di 90 grammi: è una racchetta piuttosto pesante, addirittura molto pesante se sopra i 100 grammi. Permette di avere poca maneggevolezza e velocità del braccio. Meglio usarla per una pratica molto occasionale. Da sapere: le racchette pesanti sono sempre più rare, eccetto per una pratica nel tempo libero, prevalentemente all'aperto. 

 

2/ SECONDA CARATTERISTICA DA CONSIDERARE: IL BILANCIAMENTO

È la ripartizione del peso sulla racchetta. Si esprime in millimetri a partire dalla base del manico. Più è alto, più il peso di bilanciamento è ripartito verso il telaio, cioè la testa. 

Un po' di vocabolario da esperti: se il bilanciamento di una racchetta è di 300 mm, si dirà che è molto nella testa. Se è di 280 mm, si dirà che è molto nel manico. Ovviamente stiamo parlando di racchette per adulti, su un modello junior non è assolutamente lo stesso ;-) 

Bilanciamento nella testa: potenza e una buona lunghezza del volano, ma meno maneggevolezza e meno precisione. Alla fine del colpo, la forza è accelerata grazie all'effetto martello, o di inerzia. Un buon aiuto per i giocatori che hanno scarsa potenza, a condizione di avere una buona tecnica. Maggiore rischio di affaticare il braccio. 

Bilanciamento neutro: un buon compromesso tra potenza e maneggevolezza. L'ideale per i giocatori di livello intermedio o polivalenti. 

~Bilanciamento nel manico: maneggevolezza, velocità di reazione e precisione, senza aumento di potenza. Solo per i giocatori che compensano la mancanza di potenza con la tecnica e che hanno una buona rotazione dell'avambraccio. Adatta per un gioco polivalente o in doppio, perché il gioco è più rapido e riduce la stanchezza a livello del braccio

come-scegliere-la-racchetta-da-badminton

3/ TERZA CARATTERISTICA DA CONSIDERARE: LA FLESSIBILITÀ O MORBIDEZZA

Si gioca a livello dello shaft, cioè dello stelo della racchetta. Per farla semplice, è il modo in cui lo shaft si deforma al momento dell'impatto con il volano. Più è morbido, più si deforma. Più è rigido, più è stabile...semplice, no?;-)

Racchetta morbida o flessibile: potenza e una buona lunghezza del volano grazie allo shaft che si deforma molto e all'effetto catapulta. Ma meno precisione e controllo. Per colmare le carenze tecniche e posizionare il volano più lontano in fondo al campo, anche con un ritardo su di esso. Raccomandata per i giocatori che hanno scarsa potenza e/o tecnica. 

Semi-rigida: un profilo piuttosto polivalente. Il giusto compromesso tra velocità, potenza e precisione. L'ideale per i giocatori di livello intermedio o principiante con una buona potenza nel braccio. 

Rigida: velocità e nervosità, più precisione e controllo. In poche parole, una buona repulsione: il volano riparte più in fretta. L'ideale per i giocatori che cercano una velocità di gioco importante o per partite ritmate. Solo per i giocatori esperti, perché è difficile colmare gli errori tecnici con questo tipo di racchetta. 

~Il punto tecnico: potenza e velocità non sono la stessa cosa. Con la potenza il volano va lontano ma lentamente, con la velocità parte in fretta ma non necessariamente arriva lontano. Quindi la velocità non è legata alla potenza ma alla repulsione, cioè il modo in cui il volano riparte quando colpisce la corda.

stelo

4/ QUARTA CARATTERISTICA DA CONSIDERARE: LA TESTA DELLA RACCHETTA E IL TELAIO

Se non ti sei perso tra i primi criteri menzionati, ti invitiamo a dare un'occhiata a questo dettaglio, che non è uno. Due cose da considerare: la tolleranza e la precisione. 

- La tolleranza: è semplicemente il modo il cui il telaio tollera i colpi non centrati. Se sei un giocatore principiante e fai molti "legni" è meglio prendere una racchetta con testa tollerante, con piatto corde più grande o di forma isometrica. 

- La precisione: è il modo in cui il volano riparte, in modo più o meno preciso. Se sei un giocatore esperto con una buona tecnica, dai la priorità a questa caratteristica. 

Ovviamente, la tolleranza e la precisione sono legate soprattutto alla scelta della corda e alla tensione della racchetta. Difficile dissociare questi elementi :-)

telaio

5/ QUINTA CARATTERISTICA DA CONSIDERARE: IL TUO LIVELLO 

Sei un giocatore molto occasionale. E di livello principiante. Non avevi previsto di cambiare. Peccato. Per te ci sono le racchette di più di 90 grammi, abbastanza resistenti. Una buona notizia: non dovrebbe costarti un braccio ;-) 

Sei un giocatore principiante. Ma hai previsto di impegnarti seriamente. Iniziando a giocare regolarmente, almeno una volta alla settimana. Non trascurare il comfort ed evita le racchette troppo pesanti che col tempo rischierebbero di farti infortunare. Opta piuttosto per una racchetta flessibile, anche semi-rigida se hai un colpo abbastanza potente, con un bilanciamento neutro o nel manico, più facile da impugnare. 

Sei un giocatore di livello intermedio. Non conosci bene i tuoi punti forti e i tuoi punti deboli. Prendi una racchetta con un peso intermedio, semi-rigida e con bilanciamento neutro o nel manico. Eventualmente nella testa se hai poca potenza nel braccio. In poche parole, polivalenza su tutti i fronti! 

~Sei un giocatore esperto o molto regolare. La tua tecnica è quasi infallibile. Conosci i tuoi punti forti e i tuoi punti deboli, quindi dovrai pensarci un po' per scegliere la racchetta. Se sei esperto, con un'ottima tecnica e cerchi la precisione, vai con le racchette rigide che aumentano la potenza se hai già una buona forza nei colpi. Ma attenzione alla fragilità ;-)

livello

6/ SESTA E ULTIMA CARATTERISTICA DA CONSIDERARE: IL TUO STILE DI GIOCO

Sei un giocatore polivalente. E il tuo stile di gioco cambia in funzione delle opportunità. Scegli una racchetta che ti somigli: polivalente e per qualunque terreno ;-) 

Sei un giocatore offensivo. Hai lo smash facile e una buona forza nei colpi. Di fronte a te, l'avversario non ha tregua. Opta per una racchetta potente, con bilanciamento piuttosto nella testa e semi-rigida, anche rigida se hai una buona tecnica. 

~Sei un giocatore difensivo. I tuoi punti forti sono le debolezze del tuo avversario. Sei alla ricerca di ogni suo minimo errore. La tua tecnica: sfinire l'altro. Prendi una racchetta semi-rigida, maneggevole e con una buona velocità di reazione, bilanciamento nel manico oppure neutro se non hai troppa potenza, è un buon compromesso.

stile di gioco

In poche parole, l'hai capito: non è semplice scegliere la racchetta. Per scegliere la racchetta più adatta devi osservare le tue qualità e i tuoi difetti e sapere a quali sensazioni di gioco vuoi dare la priorità. Il nostro consigli, se sei un giocatore esperto o agonista: una racchetta va bene, due sono meglio. Perché non si è mai immuni da qualche rottura. L'ideale: provare la racchetta prima di acquistarla ;-) Infine, hai a disposizione un aiuto digitale nella scelta, per proporti una selezione di racchette in funzione delle tue risposte.