GAV, Erogatori Sub

Gav sub, Jacket , Erogatore subacqueo, Octopus sub

Scopri la nostra selezione di Gav sub di Subea, Mares e Cressi. Non dimenticare l'erogatore subacqueo e l'octopus sub per immergerti in completa sicurezza.

Come scegliere
Come scegliere il GAV | DECATHLON
Salta categorie Salta categorie
Salta filtri
Filtri
Filtra per prezzo
559,90€
VR 400
VR 400
BEUCHAT

VR 400

Venduto e spedito da BEUCHAT
634,90€
134,90€
559,90€
VR 400
VR 400
BEUCHAT

VR 400

Venduto e spedito da BEUCHAT
79,99€
Erogatore di emergenza 500
Erogatore di emergenza 500
SUBEA

Erogatore di emergenza 500

Momentaneamente non disponibile online
129,99€
219,99€
4.3/5 Basato su 90 Recensioni raccolte online e in negozio

SUBEA | MARES | CRESSI

EROGATORI SUBACQUEA

L'erogatore rappresenta una delle componenti fondamentali dell'attrezzatura per il subacqueo. Si compone di più parti che ne caratterizzano le performance e l'utilizzo ideale, determinando la tipologia più adatta alle tue esigenze.

Il gruppo erogatori si compone di un primo e secondo stadio, fruste, erogatore di emergenza e manometro.

Il primo stadio è la parte che si collega alla bombola ed è in questo strumento che avviene la prima diminuzione di pressione: si passa dalle pressioni elevate (fino a 300 bar) che ci sono nella bombola, a una pressione intermedia di circa 10 bar. Questa compensazione si ha per mezzo di un pistone o di una membrana, entrambi bilanciati o non bilanciati, che vanno a creare un primo abbassamento di pressione. Il primo stadio può avere due tipologie di attacco: DIN, cioè a vite, che si va a innestare direttamente sulla filettatura dell'attacco bombola; o INT, a bridda, che va ad "abbracciare" il rubinetto della bombola e che avrà bisogno di un adattatore o "caramella", che permetterà di avere un collegamento ermetico.

La seconda riduzione di pressione che rende l'aria della bombola respirabile avviene al secondo stadio: l'erogatore che si posiziona in bocca abbassa la pressione da circa 10 bar a circa 1 bar, così da essere facilmente respirabile da parte del subacqueo in immersione.

Vista la complessità degli erogatori, ti consigliamo di essere sempre guidato nella scelta e di basarti sull'uso che ne andrai a fare.

EROGATORI PER L'IMMERSIONE

L’immersione è un'indescrivibile sensazione di assenza di gravità. Pesci esotici e piante spettacolari aspettano di essere scoperti nelle profondità sotto la superficie dell'acqua. Se vuoi esplorare in questo ambiente, hai bisogno di ossigeno. Per garantire sempre una fornitura adeguata, è necessaria un'attrezzatura subacquea completa, a cui non dovrebbe mancare un erogatore in nessun caso.

RESPIRAZIONE CONFORTEVOLE E SENZA FATICA Un erogatore permette di essere sufficientemente rifornito di ossigeno anche sott'acqua. L’erogatore è composto da due stadi. Nella prima fase, la pressione della bombola viene ridotta. Il secondo stadio adegua la pressione a quella dell'ambiente. Abbiamo tutti una paura primordiale intrinseca: non puoi respirare sott'acqua! Ogni principiante ha quindi inizialmente una sana sfiducia nei confronti di un regolatore; tuttavia, non appena fai il tuo primo respiro, scoprirai che puoi respirare normalmente. Anche quando si tossisce non ci sono problemi, il tuo regolatore non ti deluderà.

SPIEGAZIONE VELOCE - LA STRUTTURA DELL’EROGATORE

Come già spiegato, l’erogatore è costituito da un primo ed un secondo stadio.
IL PRIMO STADIO

Il primo stadio si attacca direttamente al cilindro in corrispondenza della valvola. La pressione delle bottiglie è di 200 o 300 bar. Con l'aiuto del primo stadio del regolatore, questa viene ridotta a una pressione di circa 4-15 bar sopra la pressione dell’ambiente. Il primo stadio è la base per il tuo erogatore; con la scelta del primo stadio puoi decidere in quali fasce di temperatura immergerti e quali accessori collegare. Il primo stadio è disponibile in due versioni: i modelli a membrana sono particolarmente adatti per acque fredde, quelli a pistone per le zone più calde. Per evitare che il tuo erogatore si ghiacci, dovresti usare solo erogatori adatti per acqua fredda a temperature dell'acqua inferiori a 10 °C sopra lo 0. A causa delle basse temperature dei laghi interni in Europa, che sono appena al di sopra di questa soglia di +10 °C anche in estate, qui possono essere utilizzati solo erogatori adatti per l'acqua fredda.
IL SECONDO STADIO

Il secondo stadio dell'erogatore si collega alla porta di media pressione del primo stadio e dispone di un boccaglio. Ora regola la pressione sulla pressione ambiente in modo che tu possa effettivamente respirare normalmente. Come qualsiasi altro subacqueo, crei una pressione negativa quando respiri. È quindi vantaggioso se il secondo stadio ha un controllo speciale, come il controllo Venturi, con il quale è possibile regolare individualmente la resistenza respiratoria. Questo può rendere la respirazione molto più facile per te. Un boccaglio comodo è altrettanto importante, quelli in silicone alleviano la pressione sulla mascella. Una doccia d'aria integrata consente di risciacquare l'acqua che è entrata nel secondo stadio. Più grande è la doccia d'aria, più facile sarà per te azionarla. Se indossi guanti da sub, l'operazione può essere notevolmente più difficile, anche con modelli più grandi. Assicurati anche che l'erogatore abbia un deflettore della vescica, un'uscita laterale appena fuori dalla valvola di espirazione del secondo stadio. Il deflettore della vescica guida l'aria espirata dietro la maschera da sub e assicura che non si appanni. Così avrai sempre un campo visivo chiaro durante le immersioni.

OCTOPUS SUBACQUEA

L’octopus subacqueo è una specie di erogatore di riserva. Se, contrariamente alle aspettative, la seconda fase del tuo regolatore fallisce, devi avere un’alternativa. Di solito, tuttavia, l’octopus ha lo scopo di aiutare il tuo compagno di immersione in caso di difficoltà, dato che il tubo a media pressione è leggermente più lungo, offrendo sufficiente libertà di movimento. Per riconoscere facilmente l’octopus, è solitamente dotato di una marcatura gialla, così come il tubo. L’octopus subacqueo deve provenire dall'erogatore stesso, non è consentita la combinazione di componenti di produttori diversi.

IL MANOMETRO

Il manometro mostra la pressione della bombola, in Bar, così saprai sempre quanta aria è rimasta. Non appena la pressione scende al di sotto di 50 bar, questa zona viene indicata da un contrassegno colorato. Il manometro si collega alla porta di alta pressione del primo stadio del regolatore con un tubo, viene installata una valvola a farfalla aggiuntiva per evitare danni causati da picchi di pressione eccessivi all'apertura della valvola.

ACCESSORI: COPERTURE PROTETTIVE E ALTRO

Fondamentalmente, non dovresti mai usare l'erogatore se si comporta in modo anomalo. In questo caso, dovresti contattare un professionista per verificarlo. Le parti più piccole, come il boccaglio, devono essere sostituite regolarmente; sarebbe opportuno avere un boccaglio di riserva con te in ogni immersione. In linea di principio, una cura adeguata dell’attrezzatura subacquea può far risparmiare considerevoli costi di manutenzione. Dovresti sciacquare la tua attrezzatura in acqua dolce e pulita dopo ogni immersione, ma senza farla penetrare nel primo stadio dell'erogatore.

Le coperture protettive salvaguardano l’erogatore dai danni, i pezzi di ricambio di attrezzatura disponibili sono tanti. Ricorda sempre: la prevenzione è meglio dell'assistenza post-vendita!

FAQ

COME FUNZIONA UN EROGATORE?

Un erogatore è costituito da due stadi che regolano la pressione dell'aria dalla bombola alla pressione ambiente in due fasi. Inoltre, la media pressione generata dall'erogatore consente di fornire aria al proprio compensatore di galleggiamento e inoltra la pressione della bombola al tuo manometro in modo da essere sempre aggiornato su quanta aria devi ancora respirare.

QUALE EROGATORE È ADATTO AI PRINCIPIANTI?

Non puoi davvero sbagliare quando cerchi un erogatore adatto. In realtà è simile all'acquisto di un'auto: uno si accontenta di un'auto piccola, l'altro sogna un'auto sportiva. In linea di principio, quasi tutti i modelli soddisfano le funzioni richieste per le immersioni. Quindi tutto dipende dai requisiti che imposti tu stesso all’erogatore.

CHE PRESSIONE MISURA UN MANOMETRO?

Sul manometro puoi leggere quanto è alta la pressione residua nella bombola da immersione e quindi quanta aria è ancora disponibile per te. Se la pressione scende al di sotto di 50 bar, ciò è indicato da una corrispondente marcatura colorata sulla scala.

A COSA SERVE UN OCTOPUS SUBACQUEO?

Con il suo aiuto, puoi aiutare un altro sub a uscire dai guai se il suo erogatore si guasta o se sorgono altri problemi.

È un regalo? Offrire la scelta Offri una carta regalo